Politica

Sessa: esplode il caso dissuasori, tra attacchi e chiarimenti

Scritto da  | 

 

SESSA AURUNCA. I cittadini di San Castrese, tramite la assai seguita pagina di Generazione Aurunca, hanno segnalato nelle scorse ore, i dubbi sui dissuasori posti nella zona periferica della città.

Tale segnalazione segue il caso dei Dissuasori di Rongolise, posizionati prima delle elezioni regionali e poi eliminati dopo il voto. A lanciare il j’accuse è l’ex Sindaco Silvio Sasso che in un post ha dichiarato: “I DISSUASORI della VELOCITÀ furono acquistati negli ultimi mesi dell’Amministrazione per essere installati presso le SCUOLE e nei punti a rischio dei CENTRI URBANI. Inspiegabilmente il Comando della Polizia Municipale, con pretesti vari, ne ritardò la messa in opera per poi agire dopo la caduta dell’Amministrazione in modo assolutamente difforme dal progetto iniziale. I dissuasori infatti anziché nei pressi delle scuole e delle zone a rischio si ritrovano ora addirittura in zone periferiche e spesso non bisognose di tale intervento. Occorre una verifica da parte del Commissario che certamente sarà all’oscuro di queste “sviste”.

Ad essere sotto accusa per i cittadini non è il Comando della Polizia Municipale, che in questi anni sta lavorando egregiamente, ma i soliti politici che cercano di far clientela per raggiungere i propri interessi.
A gettare acqua sul fuoco è il leader di Generazione Aurunca, Avv. Alberto Verrengia da sempre accanto ai diritti dei cittadini: “Probabilmente c’è stata qualche svista su alcuni dissuasori, resta però salvo il buon lavoro fatto dal Comandante della Polizia Municipale di Sessa in questi anni e a cui noi chiederemo nelle prossime ore l’intervento per alcune frazioni per posizionare bande rumorose o dissuasori poco invasivi per proteggere alunni e pedoni. Purtroppo, esiste una politica malsana che, presumibilmente, ha speculato anche sui dissuasori prima delle elezioni regionali e a cui giustamente l’ex Sindaco sottintende. Costoro sono il male del territorio, ecco perché urge creare un alternativa civica di persone perbene per fermare i loro danni”.