Politica

Elezioni Sessa: Di Iorio in difficoltà sulle liste, troppi no. Bene le quotazioni di Tommasino

Scritto da  | 

 

SESSA AURUNCA. Che fosse difficile compilare le liste in questo periodo di pandemia e di difficoltà politiche e giudiziarie nel comune di Sessa Aurunca, era prevedibile.

A farne le spese il papabile candidato del centrosinistra Lorenzo Di Iorio sceso troppo frettolosamente in campo, ma che poi ha dovuto fare i conti con il rinvio delle elezioni. Sono molte le defezioni che stanno avvenendo in questi giorni di possibili candidati delle liste del centrosinistra, sia nel PD e soprattutto nelle liste civiche in appoggio della coalizione.

Ciò che induce a non candidarsi, è il palese gioco degli eletti nelle liste, molti dei quali appaiono già decisi a tavolino. Chi dovrebbe candidarsi per portare solo l’acqua al mulino dei soliti?
La seconda preoccupazione è certamente la questione giudiziaria: una spada di Damocle sulla testa di una intera parte politica e del proprio riferimento regionale.

Ecco perché Lorenzo Di Iorio, dopo questo periodo di verifica, potrebbe lasciare spazio ad un altro candidato, tra cui Italo Calenzo come lascia trapelare un importante quotidiano.
Calenzo prova a smentire e dichiara “ad oggi, è assolutamente privo di fondamento”. Quel “ad oggi” ha un sapore di temporeggiamento.
Crescono le quotazioni di una candidatura di Luigi Tommasino dopo il nulla osta di Forza Italia e che potrebbe compattare la coalizione di centrodestra o parte di essa e presentarsi con alcune liste e giocarsi la partita, così.

Stessa sorte per l’area dissidente del centrosinistra dell’ex sindaco Silvio sasso e del gruppo che fa riferimento a Massimo Schiavone. Questi ultimi potrebbero organizzare una coalizione con a capo proprio Sasso.
In realtà, il tempo è tanto e tutto potrà accadere. Una sola certezza emerge: sarà una campagna elettorale delicata che si risolverà sul filo di lana.