Politica

CELLOLE SMART CITY – RINNOVAMENTO DELL’ILLUMINAZIONE PUBBLICA SU TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE

Scritto da  | 

 

CELLOLE. Il Sindaco di Cellole, dott. Guido Di Leone, annuncia importanti cambiamenti per il Comune di Cellole in tema di illuminazione pubblica: “Entriamo nel futuro anche con la Pubblica Illuminazione, oltre la manutenzione di tutti i pali, l’installazione di nuovi impianti e il cambio generale in led, tutti i punti di illuminazione avranno un codice e saranno collegati ad un’app, alla quale tutti i cittadini potranno collegarsi per segnalare un guasto, per poi intervenire rapidamente con gli operatori.

La mia Amministrazione Comunale ha avviato questo progetto importantissimo ed innovativo, per dare un nuovo volto alla Città di Cellole. La gestione dell’illuminazione pubblica dei prossimi anni, sarà sulla base di una serie di linee d’indirizzo che identificano gli obiettivi necessari per riqualificare il servizio di Illuminazione Pubblica.

Oggi, il mercato delle tecnologie impiantistiche permette di ottenere soluzioni in grado di coniugare l’innovazione tecnologica con il tema della sostenibilità ambientale in favore di una transizione verso l’economia circolare. Agire sugli impianti di illuminazione pubblica significa quindi avere la possibilità di aderire alle politiche europee, oltre che alle politiche nazionali e regionali.

Il tema dell’illuminazione pubblica è molto sentito dalla città, per le sue implicazioni sul piano della sicurezza urbana e stradale, del decoro, su quello della sostenibilità ambientale ed anche economico, con gli eventuali risparmi che possono derivare dall’introduzione di nuove tecnologie a basso impatto energetico. Da qui la decisione di avviare un progetto che metta al centro nuove tecnologie e materiali, che consentano di qualificare questo aspetto della città, sotto tutti i punti di vista sopra richiamati, nell’ottica di “CELLOLE SMART CITY” Si tratta di volgere lo sguardo al futuro con un progetto ideato ed organizzato in sinergia con il mio Vice Sindaco Iovino Giovanni.”