Cultura

Giovanni Morrone “Pato” al settimo cielo: Bronzo al Campionato Mondiale Pallavolo Sordi

Scritto da  | 

 

SPORT. Avevamo già parlato sulle nostre pagine di Giovanni Morrone, per gli amici Pato. Abbiamo dedicato a lui un articolo quando è stato convocato nella Nazionale di Pallavolo Sordi. Lo avevamo definito un traguardo, ma eravamo già consapevoli che Pato era destinato a raggiungere soddisfazioni ancor più grandi. E’ il caso della Medaglia di Bronzo al Campionato Mondiale Pallavolo Sordi.

Soltanto stamattina abbiamo ricevuto la meravigliosa notizia, divulgata anche sulla pagina ufficiale Università Politecnica delle Marche, con il seguente messaggio, tutto dedicato a Giovanni: “Medaglia di bronzo per la Nazionale Italiana Maschile Pallavolo Sordi. Siamo davvero felici di condividere questo traguardo con Giovanni Morrone , assegnista di ricerca all’UNIVPM, atleta della nazionale che ha partecipato ai Campionati Mondiali Pallavolo Sordi svolti a Chiusi-Chianciano Terme (SI) dal 23 settembre al 2 ottobre.

La nazionale italiana di pallavolo ha conquistato una storica medaglia di bronzo battendo nettamente la Francia per 3 set a 0 nella finale per il 3° posto. Una medaglia che mancava da ormai 16 anni, ottenuta in un grande torneo, dove l’Italia ha sconfitto ai quarti la Turchia, campione mondiale uscente e campione olimpico in carica, e cedendo in semifinale contro la Russia che ha poi conquistato il titolo mondiale. Giovanni Morrone ha una sordità di medio gravità e indossa gli apparecchi acustici. Fa parte della Nazionale dal 2018 con cui ha partecipato anche all’Europeo a Cagliari nel 2019 in cui l’Italia concluse al quarto posto.
La Nazionale Pallavolo Sordi è purtroppo una realtà ancora poco conosciuta ed è composta da atleti con diversi livelli di sordità e che devono togliere le protesi acustiche durante le competizioni. Il prossimo impegno saranno le Deaflympics, le Olimpiadi per atleti sordi, che si svolgeranno in Brasile nel 2022.  Giovanni ha conseguito la lauree triennale e magistrale in Ingegneria Informatica, entrambe con il massimo dei voti e presso l’Università di Modena e Reggio Emilia. Sempre nella stessa Università ha ottenuto il dottorato di ricerca con una tesi in ambito audio-visual spoken language processing in ambienti sonori estremamente rumorosi. Attualmente è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’UNIVPM e lavora nell’ambito del progetto AGEVOLA che ha lo scopo di sviluppare algoritmi di intelligenza artificiale (machine/deep learning) per speech enhancement/separation/diarization in conversazioni telefoniche reali”.