Cultura

“Facciamo un pacco alla Camorra”, quest’anno sinergia con la Polizia ispirata dallo scrittore Sergio Nazzaro

Scritto da  | 

 

 

CULTURA. La dodicesima edizione di “Facciamo un pacco alla Camorra” torna all’insegna della collaborazione tra il consorzio Nuova cooperazione organizzata e la Polizia di Stato, nell’ambito di una sinergia ispirata da Simmaco Perillo, presidente della cooperativa Al di là dei sogni, e lo scrittore e giornalista Sergio Nazzaro.

Il progetto, che nasce dal consorzio Nuova cooperazione organizzata (Nco) e riunisce le cooperative sociali dei beni confiscati della provincia di Caserta che operano nelle Terre di don Peppe Diana, offrirà come ogni anno la possibilità di scelta tra quattro confezioni di prodotti (i cosiddetti “pacchi”), con un nome diverso a seconda del loro contenuto, che potranno essere acquistate sul sito del consorzio all’indirizzo www.ncocommercio.com.

L’intero ricavato verrà distribuito tra gli enti partecipanti all’iniziativa con fini di volontariato e beneficenza. “Oltre alla pasta, al sugo, all’olio e alle altre prelibatezze di questa terra – si legge nella lettera di Nco che accompagna il pacco – troverete la graphic novel Il Commissario Mascherpa. Questo poliziotto con le sue inchieste a fumetti e i messaggi di impegno civile, contribuisce a diffondere la cultura della legalità e alla lotta contro ogni forma di mafia”.

L’iniziativa Facciamo un pacco alla camorra, che può contare anche sul sostegno della Fondazione Roche, con gli anni si è allargata a una rete di associazioni di cui fanno parte il Comitato don Peppe Diana, Libera, Cittadinanzattiva. “Negli anni Settanta e Ottanta il territorio campano ha conosciuto la brutalità della Nuova camorra organizzata (Nco) di Raffaele Cutolo – spiega Simmaco Perillo, presidente di Al di là dei sogni, una delle cooperative del consorzio – che ha segnato il passaggio da forme arcaiche di criminalità a dei veri e propri sistemi organizzati di tipo imprenditoriale. Secondo noi – continua Perillo – la risposta non poteva essere che altrettanto organizzata e per questo è nata la “Nuova cooperazione organizzata”: cooperative che condividono stessi principi e valori e che collaborano in sinergia.” Sul sito della Polizia di Stato (poliziamoderna.poliziadistato.it) il comunicato completo.