Caserta

FOTO – Armi con matricola abrasa e spaccio di droga – GLI ARRESTI DI OGGI

Scritto da  | 

CRONACA. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Casal di Principe (CE), in San Cipriano d’Aversa (CE), Santa Maria Capua Vetere (CE) e Caltanissetta, hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emesso dal GIP del Tribunale Ordinari di Napoli, nei confronti di De Luca Corrado, cl. 1967, pregiudicato, in atto già detenuto presso la casa circondariale di Caltanissetta, P. M., cl. 1946, residente a San Cipriano D’Aversa e Iana Davide, cl. 1970, pregiudicato, già detenuto la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Il provvedimento cautelare scaturisce dall’attività investigativa sviluppata dai carabinieri del citato Reparto, i quali hanno accertato che gli indagati, in concorso tra loro, fino ad ottobre del 2018, detenevano illegalmente, occultate all’interno di un vaso di espansione per autoclave, ubicato nell’abitazione di uno di loro, numerose armi, tra cui una pistola Franchi cal. 38 special con matricola abrasa, sette cartucce cal. 38 special, .una pistola semiautomatica beretta modello 950b cal. 6.35, con matricola abrasa, dieci cartucce calibro 6.35, quarantacinque cartucce calibro 6.35 marca fiocchi, e due caricatori per pistola beretta 92 fs cal. 9 parabellum, di tipo militare. Dette Armi erano nella disponibilità del Clan dei Casalesi e pronte all’impiego nel periodo di latitanza di De Luca Corrado.

 

>>>ORTA DI ATELLA. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise (CE), in Orta di Atella (ce), durante un servizio di prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio, di C. F., cl. 1993, residente a Caivano (NA), domiciliato in Orta di Atella. I militari dell’Arma hanno bloccato l’uomo mentre tentava di disfarsi, gettandoli dalla finestra, di gr. 115,00 circa di cocaina. Successivamente, a seguito della perquisizione personale e domiciliare sono stati rinvenuti, nella sua disponibilità, ulteriori 90 gr. circa del medesimo stupefacente, sigillati in un’unica confezione, ulteriori 15 gr. circa di cocaina suddivisi in 15 dosi termosaldate, la somma in contanti pari a €3.280,00 in banconote di vario taglio, ritenuti provento dell’attività illecita, un bilancino di precisione e numerosi involucri in plastica utilizzati per il confezionamento delle dosi. Inoltre, all’interno dell’abitazione sono stati rinvenuti numerosi schermi LCD collegati a telecamere occultate sui balconi in grado di monitorare, in alta risoluzione, la pubblica via e le adiacenze dell’appartamento. L’arrestato è stato accompagnato presso il carcere di Napoli Poggioreale, su disposizione della competente Autorità Giudiziaria.