Mondragone

MONDRAGONE – Mondragone, l’avvocato Bencivenga scrive a poste italiane: ripristinare subito sportello San Nicola

Scritto da  | 

MONDRAGONE . L’avvocato Gianluca Bencivenga, nell’intento di rappresentare le esigenze della comunità del quartiere di San Nicola, ha sollecitato con una missiva per ben due volte il ripristino dello sportello di Poste Italiane in via degli Oleandri, chiuso da più di due mesi.

La cittadina di Mondragone, infatti, sta soffrendo negli ultimi mesi una carenza evidente degli uffici postali, che genera code lunghissime fuori gli sportelli.

La direzione di Poste italiane ha risposto per due volte alla sollecitazione dell’avvocato Bencivenga, assicurando provvedimenti al più presto.

Ecco l’ultima risposta al sollecito:

Segnalazione n° 8004480349 del 20/07/2020

_Gentile Cliente,
facciamo riferimento alla sua segnalazione, riguardante la temporanea chiusura_ dell’ufficio postale di Mondragone 4 , a seguito dell’emergenza sanitaria in corso.
Desideriamo anzitutto informarla che Poste, in linea con i provvedimenti d’urgenza adottati dal Governo al fine di contenere la diffusione dell’epidemia, ha adottato una serie di misure straordinarie tese a garantire la salute dei dipendenti e della clientela (soprattutto delle persone anziane), nonché a garantire continuità nell’erogazione dei servizi, anche con riferimento all’operatività della rete uffici postali che, come noto, è costituita da oltre 12.000 uffici postali presenti su tutto il territorio nazionale.
Nell’ambito di tali misure rientrano anche quelle intraprese allo scopo di mettere in sicurezza tutti gli uffici (sanificazione ambienti, installazione plexiglass, linee di distanziamento, sospensione prenotazioni da app, temporanea disattivazione del gestore attese, gel disinfettante in sala al pubblico, ecc.), evitando il più possibile assembramenti nella sala al pubblico.
In considerazione dell’emergenza sanitaria e per rispettare le misure anticontagio, è stato inoltre posto in essere un particolare piano per fronteggiare le giornate di pagamento pensioni presso gli Uffici con previsione del pagamento anticipato rispetto al primo giorno del mese.
Sempre in ambito finanziario sono state introdotte tutta una serie di procedure operative di emergenza per limitare gli accessi in UP e facilitare i Clienti, soprattutto gli anziani, quali ad esempio la convenzione con l’Arma dei Carabinieri per consentire il ritiro della pensione cash da parte dei carabinieri per i Clienti over 75.
Si precisa altresì che tutti gli interventi sono di carattere temporaneo, in quanto necessari a fronteggiare lo stato di emergenza in atto.
Ne è prova il fatto che, con il graduale miglioramento della situazione epidemiologia su tutto il territorio nazionale l’assetto della rete, grazie ad un piano costantemente modulato in funzione delle disposizioni istituzionali e dell’afflusso dei clienti, ha subito un progressivo riallineamento grazie alla riapertura, ad oggi, del 97% degli uffici postali sull’intero territorio nazionale di cui il 70% con il proprio orario standard.
Ciò sempre nel pieno rispetto delle misure anticontagio e di sicurezza poste in essere dall’Azienda in ottemperanza alle prescrizioni governative.
A breve, a seguito di ulteriori e puntuali analisi sulla pedonabilità negli uffici postali, verranno implementati sistemi ancora più efficaci per la regolamentazione degli accessi che consentiranno anche la riattivazione del gestore attese ed il ripristino delle prenotazioni da app.
Confidando nella sua comprensione, in questo particolare momento che vede tutti noi impegnati ad affrontare la grave emergenza sanitaria in cui versa il nostro Paese, l’occasione è gradita per porgere cordiali saluti.

Assistenza Clienti Retail_