Politica

REGIONALI – Un voto “sui generis” tra incomprensioni e voti non attribuiti: Antonello Bonacci presenta ricorso

Scritto da  | 

 

 

CASERTA. Fin dalle prime ore dopo il voto, quando sono inziati i primi scrutini, ci eravamo resi conto di essere alle prese con una tornata elettorale “sui generis”. Ce ne siamo accorti girando per i seggi elettorali, proprio nei minuti in cui si iniziavano a contare i voti. Molti i cognomi dei candidati riportati su spazi diversi, altrettanti i voti che (per questa ed altre ragioni) non sono stati attribuiti. Così, ha preso inizio l’appello alla Costituzionalità delle decisioni dei presidenti di seggio, indipendentemente dal nome del candidato e dall’espressione del voto. Questo, è stato un problema che, secondo i dati che si raccolgono, ha riguardato i candidati di ogni partito o lista, da destra a sinistra. A tal proposito, Antonello Bonacci, di Calvi Risorta e candidato tra le fila del Centro Democratico nella circoscrizione di Caserta, sta presentando un ricorso. Ha presentato reclamo alla commissione elettorale di Caserta per l’attribuzione di 94 voti di preferenza. Il reclamo mira a far attribuire da parte del Viminale i suddetti voti risultanti dai verbali di 3 sezioni del Comune di Calvi Risorta. I voti sono, infatti, riportati correttamente nei verbali, ma poi scompaiono dalle tabelle del sito internet del Ministero dell’Interno, probabilmente per una errata trascrizione. Stando a quanto riportato dai rappresentanti di lista, ci sarebbero molti altri voti non attribuiti in svariate sezioni del casertano che potrebbero incidere sul risultato finale. Bonacci, scrive il legale Pasquale Marotta, ha riportato 3935 voti (in base ai verbali), risulta estromesso dal Consiglio Regionale pur essendo il più votato in lista, sebbene la lista Centro Democratico abbia conseguito due seggi in Consiglio, riportando a Caserta la percentuale più alta (4,50%) tra le cinque regionali. Insomma, una autentica combinazione sfavorevole determinata dall’incrocio dei decimali ha determinato la mancata elezione del candidato con la percentuale più alta di Centro Democratico in Campania. Per questi motivi al reclamo potrebbe a breve far seguito un ricorso amministrativo.