Cultura

SESSA AURUNCA – Il complesso di San Giovanni a Villa è salvo: l’annuncio del Priore. Scongiurate speculazioni esterne

Scritto da  | 

Il complesso di San Giovanni a Villa è salvo. L’annuncio del Priore. Scongiurate speculazioni esterne.

SESSA AURUNCA. Grande soddisfazione nella cittadinanza di Sessa Aurunca e soprattutto tra i fedeli dopo l’annuncio del Priore Pasquale Ago della Arciconfraternita del Santissimo Crocifisso monte dei morti. Negli scorsi mesi e soprattutto nella campagna elettorale di ottobre 2021 erano trapelate delle mire commerciali esterne su parte della struttura del convento dei monaci. Questa novità potrebbe mettere il punto ad ogni speculazione sia immobiliare che politica.

Ecco l’annuncio: “Cari Fedeli, con il cuore colmo di gioia ed un pizzico di commozione possiamo affermare che la Chiesa di San Giovanni a villa è salva! In data 5 Aprile, infatti, il presidente della Quarta Sezione Civile del Tribunale di S. Maria C.V. Dr. Roberto Peluso con ordinanza resa all’esito di un giudizio ex art. 702 bis c.p.c. ha dichiarato l’Arciconfraternita del SS. Crocifisso proprietaria per intervenuta usucapione, ai sensi e per gli effetti dell’art. 1158 c.c., della Chiesa di San Giovanni a villa e dell’annesso Oratorio.

Fin dall’insediamento dell’attuale Consiglio di Amministrazione abbiamo lavorato incessantemente, con la paterna supervisione del nostro Vescovo e nel solco di quanto già fatto dalle precedenti Amministrazioni, per raggiungere questo storico risultato che ci conferisce la legittimazione giuridica per intraprendere il complesso ma necessario processo di restauro e di valorizzazione della struttura. Il progetto “Salviamo San Giovanni a villa” entra, dunque, nella seconda fase per la quale chiederemo anche il vostro aiuto perché il recupero e la valorizzazione della Chiesa è un’impresa che va al di là delle nostre sole forze.

Un’impresa che, però, deve essere compiuta perché la Chiesa di San Giovanni a villa non è solo la “casa” della nostra Confraternita ma è uno scrigno di tesori artistici di inestimabile valore ed uno dei cuori pulsanti delle tradizioni tanto care al nostro Popolo. Ora, però, ringraziamo il Signore per questo importante risultato ed avviamoci a vivere, con i migliori auspici ed in assoluta sicurezza i riti della prossima Settimana Santa.”