Mondragone

MONDRAGONE – Rettifica all’articolo “Caos in via Tagliamento…” da parte di una signora residente

Scritto da  | 

 

 

MONDRAGONE. Di seguito vi proponiamo la rettifica all’articolo “Caos in via Tagliamento per problemi di sosta: cittadini pronti a denunciare” pubblicato sulle nostre pagine lo scorso 5 maggio 2021. La rettifica arriva da parte di una signora residente in questa strada che, oltre ad inviarci dettagliate precisazioni, ci ha inviato anche una foto (che vi proponiamo a fine articolo) che giustificherebbe i fatti da lei descritti
“Buongiorno, avendo letto l’articolo dell’altra sera, ed essendo stata calunniata/lesa in prima persona, vorrei puntualizzare la “vera” situazione. Inizio con il dire che purtroppo l’ignoranza unita alla  prepotenza (ed in questo caso la non conoscenza del codice stradale) sono il più brutto dei mali. L’articolo in questione, è stato un vero e proprio teatrino organizzato. Premesso, che come di Diritto ho chiesto un passo carrabile e la relativa segnaletica su una stretta strada pubblica dapprima non regolamentata da nessun segnale stradale, per poter entrare ed uscire con le auto dalla mia abitazione, ove dapprima i miei vicini parcheggiavano le loro auto e furgoni in maniera selvaggia, impedendo me e la mia famiglia di poter entrare in casa.
E, premetto che dapprima di richiedere tale segnaletica ho chiesto milioni di volte ai miei vicini  di lasciarmi tale spazio di manovra, ma mi sono state date sempre brutte risposte (inciviltà), di cui che si poteva fare ciò che si voleva in quanto, appunto, non vi era segnaletica stradale. Tornando al teatrino organizzato, innanzitutto se il signore con il furgone bianco da voi pubblicato in foto, conoscesse il codice della strada, dovrebbe sapere che in corrispondenza di un dissuasore di sosta  (in una via stretta) e di un passo carrabile non è possibile parcheggiarvi un furgone altrimenti ovviamente “crea il caos”, ed andrebbe multato. Inoltre l’immagine pubblicata per organizzare questo teatrino mi è assolutamente nuova, in quanto, da sempre, i miei vicini compreso il signore del furgone bianco, parcheggiano sul lato opposto alla mia abitazione (ovvero dove sono stati apposti i dissuasori).  Il problema grande di quella strada  pubblica è che questi residenti pretendono di tenere i loro grandi cortili vuoti e parcheggiare selvaggiamente fuori, incuranti dei diritti delle persone. Termino dicendo, che se si usasse la civiltà e l’intelligenza oltre che il rispetto della segnaletica, non vi sarebbe nessun caos “creato””.