Cultura

SESSA AURUNCA – Al via la III Edizione della Festa Popolare della Tammorra: parla Carmine Paolucci

Scritto da  | 

SESSA AURUNCA. Al via la Festa Popolare della Tammorra, con inizio previsto per stasera, 19 luglio, per poi proseguire nelle serate del 20 e 21 luglio. Una manifestazione organizzata nei minimi particolari dall’Associazione Etnia Popolare, con il patrocinio del Comune di Sessa Aurunca. A tal proposito abbiamo sentito il Presidente dell’Associazione, Carmine Paolucci, che ci ha riferito: “Siamo al terzo anno e questa manifestazione è diventata già un punto di riferimento per tantissimi turisti ed appassionati della musica, dell’arte e della cultura in generale. Siamo riusciti a creare, in soli tre anni, un circuito fitto, che giova a tutti. Infatti, anche sui dati dell’incremento turistico, abbiamo dei numeri incoraggianti e si contano numerose strutture piene, impegnate ad accogliere turisti da ogni luogo”.

Sulla pagina Facebook ufficiale si legge: “III^ Edizione della Festa Popolare della Tammorra, una manifestazione ormai consolidata e attesissima dagli appassionati e non del genere popolare. Evento promosso dall’associazione “Etnia Popolare” con il patrocinio del comune di Sessa Aurunca.

Questa festa ha dichiarato Carmine Paolucci, Presidente di “Etnia Popolare” nasce dalla passione per la musica popolare e dal desiderio di vedere il proprio paese, esprimere al meglio le proprie potenzialità. Una manifestazione dunque che unisce tanti aspetti importanti, come la promozione e la scoperta del territorio ed il rispetto dei luoghi e delle tradizioni, il tutto accompagnato dalle note coinvolgenti della musica popolare.

Una tre giorni dedicata, non solo alla musica popolare, ma anche ai prodotti enogastronomici del territorio e alle bellezze di Sessa Aurunca, città con origini preromaniche. Nel centro storico verranno allestiti stand dove verranno distribuite le specialità del territorio, artisti di strada faranno da cornice a scenografie bellissime, gruppi itineranti suoneranno in ogni angolo della città e chiunque respirerà un aria di festa”.