Notizie Locali

Falciano, questione Cava: si alza il polverone

Scritto da  | 

11051753_10204585954544546_8758277026899965520_n

30 Luglio 2015 – Falciano del Massico. Dallo scorso consiglio comunale, a Falciano, tra la gente e tra l’opposizione politica all’attuale maggioranza, non si parla d’altro: Cava Cesque. A quanto pare, nell’Assise del 27 luglio, sia stato rilasciato il documento di autorizzazione alla Cava. Ricordiamo che, per quanto riguarda il blocco di alcune delle attività della cava, a Falciano del Massico si è formato anche un comitato “No Cava”. Molte le iniziative, anche politiche. Sul posto, infatti, nei mesi scorsi, si sono recati molti esponenti politici del Senato e della Camera come Vilma Moronese (M5S), Lucia Esposito (Pd), esponenti di Sel e molti altri. Il loro parere è sempre stato contrario alla riattivazione della cava. Nonostante la battaglia, mai conclusa e tuttora viva, secondo quanto sostengono molti cittadini, ma soprattutto l’opposizione, il dirigente dell’Ufficio Tecnico Comunale avrebbe rilasciato il Provvedimento 1/2015 del 28 luglio proprio nella sessione estiva dell’ultimo consiglio comunale. Da questo momento in poi si è scatenato l’inferno. Maggior parte dei cittadini, anche sui social network, stanno mostrando tutto lo sdegno possibile. Non da meno la frangia politica dell’altra sponda. Proprio oggi, infatti, come si legge nel documento in allegato, Igor Prata e Corrado Freddino hanno inoltrato richiesta di tutta la documentazione inerente l’ AUA n. 1/2015, l’Autorizzazione Unica Ambientale e Reg. SUAP protocollo 3935 del 28/07/2015 rilasciata alla Ditta Beton Ducale srl. Staremo a vedere come si metteranno le cose e quale sarà la risposta dell’amministrazione e dell’Utc.

Giuseppe Nicodemo