Notizie Locali

Caccia al cinghiale verso la chiusura: bilancio della stagione venatoria

Scritto da  | 

23 Dicembre 2015 – CASERTA. Caccia al cinghiale, si va verso la chiusura. E’ fissato per il prossimo 31 dicembre la chiusura della caccia al cinghiale. Dallo scorso mese di Ottobre (giovedì 1) i cacciatori hanno potuto armare le proprie doppiette. Questo che sta per chiudersi, lo ricordiamo, è il secondo anno in cui gli appassionati hanno potuto eseguire le “battute di caccia”. Tale attività era ritenuta illegale sino a due anni fa, soprattutto per via degli incendi che, in alcuni casi, hanno divorato fino ad un terzo della vegetazione. Questo, soprattutto, nei Comuni di Carinola, Sessa Aurunca e Mondragone. Sebbene ad inizio stagione, dunque, si temeva il peggio, alla fine la caccia è stata regolarmente aperta. Quest’anno, infine, c’è da sottolineare la massiccia presenza del “selvatico”. Molti cacciatori si dicono soddisfatti dell’annata venatoria. Alcune regole di caccia, rispetto all’anno scorso, sono state modificate, come ad esempio il “carniere massimo”: il numero massimo è passato da 4 a 10. Ciò vuol dire che se prima si poteva cacciare un numero massimo di quattro cinghiali, quest’anno è stato possibile arrivare a dieci, agevolando i cacciatori nell’osservazione della legge. Tuttavia, anche se la stagione sta per concludersi, vi lasciamo con alcuni importanti consigli ed alcune regole da tenere sempre a mente:

1) Indossare giacchetto ad alta visibilità;

2) Divieto di cacciare in zone arse;

3) Non inquinare l’ambiente lasciando a terra bossoli esplosi;

4) Al momento dello sparo prestare attenzione al posizionamento dei cani;

5) Numero massimo di persone per squadra: 25 (numero minimo per la battuta 12).