Carinola

Santa Croce, Chiesa chiusa per la veglia di Pasqua: fedeli sul piede di guerra. Domani sit-in in piazza

Scritto da  | 

 

 

SANTA CROCE DI CARINOLA. Una vicenda che, domani sera, ritorna puntuale ad un anno di distanza. Stiamo parlando del disagio che i cittadini, e tutti i fedeli della piccola comunità di Santa Croce si accingono a vivere in questi giorni, in concomitanza delle festività e delle celebrazioni pasquali.

Il Parroco Don Enrico, anche quest’anno, ha deciso di tenere chiusa la Chiesa di Santa Croce (dove tra l’altro è custodita una Reliquia della SS. Croce sulla quale Gesù Cristo fu crocifisso) per la veglia di Pasqua, nonostante le numerose richieste da parte dei fedeli e nonostante, l’anno scorso, sempre i fedeli, avevano inviato apposita richiesta (di 3 pagine che trovate in allegato alla fine dell’articolo) al Vescovo Orazio Piazza.

Abbiamo incontrato oggi pomeriggio alcuni fedeli, in rappresentanza di tutti i credenti di Santa Croce, i quali ci hanno riferito: “Abbiamo questo malcontento che vogliamo far conoscere a Don Enrico anche attraverso mezzo stampa. Non ci sembra giusto dover trascorrere un’altra Pasqua senza celebrazioni (spostate a Carinola ndr) e con la Chiesa chiusa. Noi rispettiamo il Sacerdote e non abbiamo nulla contro coloro i quali seguono e seguiranno le celebrazioni a Carinola, ma vogliamo che anche qui a Santa Croce, cercando e trovando un accordo ed una mediazione, possano essere svolte le funzioni sacre“.

 

Abbiamo proposto più volte – continuano i fedeli– a Don Enrico di farci carico di prendere un prete, di pagarlo noi pur di mantenere la Chiesa aperta ed avere, dunque, la possibilità di celebrare le funzioni ma puntualmente la risposta è stata NO”.
Pare che Don Enrico non faccia altro che mettere in atto il decreto scaturito dall’accorpamento delle parrocchie decreto che, comunque, crea non pochi disagi ai fedeli di piccole comunità come quella di Santa Croce.
In altre comunità i parroci sono riusciti ad organizzarsi, vedi Ciamprisco, Fontana Radina, Casale di Carinola con San Donato e Ventaroli, con le celebrazioni al Foro Claudio (a Ventaroli). In ogni comunità si è giunti ad un accordo, solo qui a Santa Croce continuiamo ad avere questo problema…”
Ieri sera a Santa Croce, infatti, non è stata fatta la funzione della lavanda dei piedi, oggi si farà l’adorazione della Croce, mentre domani sera la Chiesa resterà chiusa, sempre per volere di don Enrico.
“Siamo allibiti, arrabbiati e ci rendiamo conto che don Enrico è l’unico parroco ad attuare il decreto senza se e senza ma, mentre altri sacerdoti cercano di mediare… Ma noi ci domandiamo: la Chiesa è o non è del popolo?”.
Una situazione difficile che mette i fedeli in una difficile condizione di disagio. Gli stessi fedeli, inoltre, si dicono disposti a spostarsi a Carinola per qualsiasi evento. In realtà, l’unica cosa che chiedono è che le funzioni vengano svolte nella loro Chiesa di Santa Croce.
Domani sera, sabato 15 Aprile, alle ore 22.00 ci sarà un ritrovo in Piazza Padre Pio, davanti la Chiesa chiusa. Con una serie di cartelloni i fedeli saranno voce al malcontento dell’intera popolazione. Per l’occasione è stato anche preparato e distribuito un volantino che trovate in allegato qui sotto.

 

17965939_10211939315735009_161244076_n

LETTERA AL VESCOVO – PAG 1

 

17965053_10211939315575005_295100636_n

LETTERA AL VESCOVO – PAG 2

 

17965251_10211939315375000_759627961_n

LETTERA AL VESCOVO PAG.3

 

17965552_10211939315254997_1484067318_n

VOLANTINO DIFFUSO IN PAESE