Caserta

Rapina ad una prostituta e violenza nei confronti della donna: due arresti in poche ore

Scritto da  | 

6 Giugno 2016 – CRONACA. I carabinieri del Comando Stazione di Macerata Campania nel corso della notte, in Recale (Ce), hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di evasione PORFIDIA PAOLO cl. 97 del posto.

L’uomo, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la propria abitazione a seguito dell’arresto su ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale Ordinario di Santa Maria Capua Vetere ed eseguita in data 03 giu 2016 dai militari dell’Aliquota Operativa della compagnia cc di Marcianise (Ce) per il reato di rapina commesso ai danni di una prostituta nel gennaio scorso, è stato sorpreso dai militari dell’Arma all’esterno della propria abitazione ad interloquire con delle persone. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato nuovamente tradotto presso il proprio domicilio in attesa del rito direttissimo.

I Carabinieri del Comando Stazione di Teano (Ce), hanno eseguito l’ordinanza di applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla persona offesa e familiari della stessa, emessa dal Tribunale di S. Maria C.V. (Ce) – ufficio G.I.P., a carico di un 49enne del posto.

Il provvedimento è scaturito a seguito di accertamenti svolti dai militari dell’Arma a seguito delle denunce-querele sporte tra i mesi di novembre 2015 e marzo u.s. dalla moglie 43enne.

Nella circostanza i carabinieri hanno riscontrato che, l’uomo aveva, in più occasioni, assunto comportamenti violenti nei confronti della donna, anche alla presenza della loro figlia minore. La vittima, per le violenze subite, si era vista costretta a modificare, nel tempo, le proprie abitudini di vita vivendo in un costante stato d’ansia e di paura.