Cronaca

LE FOTO – GdF di Mondragone arresta caporale bulgaro, interviene la Flai-Cgil

Scritto da  | 

 

 

ARRESTO CAPORALE CASERTA, FLAI CGIL: “UNICO MEZZO DI CONTRASTO È PIENA APPLICAZIONE LEGGE 199”.

“L’ennesimo arresto di un caporale bulgaro in provincia di Caserta è un nuovo campanello d’allarme che evidenzia la necessità di portare a compimento la seconda parte della legge 199 sul caporalato, con l’applicazione del collocamento e del trasporto pubblico in agricoltura e l’attivazione di una rete agricola di qualità che punti a far emergere le aziende che utilizzano i caporali sfruttando donne, uomini e minori”. E’ quanto sostengono in una nota congiunta il segretario generale della Flai Cgil Caserta, Igor Prata ed il segretario generale della Flai Cgil Campania, Giuseppe Carotenuto, commentando l’arresto del caporale bulgaro da parte dei finanzieri della Compagnia di Mondragone su disposizione del gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. “Da tempo la Flai Cgil è impegnata su tutto il territorio casertano con l’attività di sindacato di strada con l’obiettivo di contrastare e denunciare il fenomeno del caporalato che – evidenziano Prata e Carotenuto – sempre più tende a sfruttare donne e minori. Il nostro impegno proseguirà ma chiediamo con forza al Governo di applicare pienamente la legge sul caporalato, strumento indispensabile ed insostituibile nel contrasto a questo fenomeno delinquenziale”.

L’OPERAZIONE DI IERI DELLA GUARDIA DI FINANZA DI MONDRAGONE:  PROSEGUE L’ATTIVITA’ DI CONTRASTO AL FENOMENO DEL CAPORALATO – ANCORA UN ARRESTO DI UNO SFRUTTATORE DI BRACCIANTI AGRICOLI ATTIVO SUL TERRITORIO DI MONDRAGONE – La Compagnia della Guardia di Finanza di Mondragone ha portato a termine ulteriori accertamenti investigativi nell’ambito della più ampia indagine denominata “Black Job Market”, coordinata e diretta dalla Procura della Repubblica di Santa Maria C.V., per la repressione del c.d. caporalato in agricoltura, fenomeno criminale che da anni inquina e brutalizza il mercato del lavoro per la raccolta dei prodotti ortofrutticoli, con particolare invasività nei territori del litorale domizio e dell’entroterra mondragonese. Questa volta a finire nelle maglie della giustizia è stato un altro caporale, di nazionalità bulgara, A.A.V. (classe 1968), tratto in arresto nella flagranza di reato dalle fiamme Gialle di Mondragone, all’esito di un controllo eseguito su un campo agricolo in Sparanise (CE) eseguito lo scorso 27 novembre, nel quale venivano sorpresi oltre al caporale , 20 lavoratori, tra cui una donna invalida, una minore di anni 14 e una donna in stato di gravidanza, tutte intente alla raccolta di fagiolini sotto serra. Le emergenze indiziarie raccolte in mesi di intercettazioni e prolungati appostamenti sono state anche in questa occasione avvalorate dalla successiva audizione dei braccianti. Dall’intera attività accertativa è emersa la stessa degradante ed allarmante situazione di sfruttamento, che era già emersa chiaramente nelle precedenti operazioni di polizia, sulla base della quale il competente G.I.P. ha da ultimo convalidato l’arresto di iniziativa. Nel corso delle indagini è stato anche riscontrato che parallelamente all’attività illecita di intermediazione, l’odierno indagato A.A.V. aveva avviato una vera e propria attività imprenditoriale nel settore agricolo, provvedendo direttamente all’acquisto di partite di ortaggi ancora sul campo, che successivamente venivano vendute ad altri operatori del settore, realizzando così illeciti profitti, fino al 400% del costo della mano d’opera reclutata e sfruttata. Con l’odierno arresto salgano a 3 i canali del reclutamento illecito dei braccianti finora neutralizzati dalla Compagnia di Mondragone, che ha monitorato già da tempo il fenomeno al fine di comprenderne dinamiche e metodologie, per poi individuarne le specifiche responsabilità criminali. Il provvedimento restrittivo fa seguito ad analoghe attività eseguite nei mesi scorsi di ottobre e novembre, che hanno portato all’esecuzione di misure restrittive della libertà personale nei confronti di altri 5 caporali. Il caporale fermato è stato quindi ristretto agli arresti domiciliari da parte del competente G.I.P. del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Diramato in data odierna apposito comunicato stampa da parte della Procura di Santa Maria Capua Vetere che ha diretto e coordinato le operazioni.

 

COMUNICATO PROCURA DELLA REPUBBLICA: In data 1° dicembre 2018, Il GIP del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ha emesso
un’ordinanza con cui ha sottoposto agli arresti domiciliari il cittadino bulgaro, A.A.V. (classe 1968),
accusato di svolgere l’attività di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, meglio conosciuto
come fenomeno del “Caporalato”, per aver reclutato quotidianamente decine di cittadini stranieri in
stato di bisogno, per la raccolta, di prodotti ortofrutticoli a benefìcio sia della propria ditta che di altre
aziende agricole di Mondragone.
Il provvedimento restrittivo fa seguito all’arresto in flagranza di reato eseguito dai finanzieri
della Compagnia di Mondragone all’esito di un’attività investigativa diretta da questa Procura della
Repubblica ed espletata anche attraverso intercettazioni telefoniche, prolungati servizi di
appostamento, osservazione occulta e pedinamento, nonché mediante numerose audizioni dei
lavoratori sfruttati e vittime del reato.
Gli approfondimenti investigativi, che sono stati avviati già nel 2016, si sono concentrati nelle
fasi stagionali della primavera – autunno 2016 e della primavera – estate del 2017, per poi trovare
ulteriori e ancor più mirati riscontri nel corso della stagione di raccolta del corrente anno.
L’indagine, quindi, ha trovato nuovo vigore e più solida base normativa grazie alla riforma
operata dalla legge 199/2016 che ha ridisegnato la fattispecie, modificando l’art. 603 bis c.p.,
rendendola adeguata alla realtà fenomenica che caratterizza le dinamiche di sfruttamento dei
lavoratori.
Dai preliminari riscontri effettuati è emerso, quindi, che il cittadino bulgaro reclutava, in
prestabiliti punti di raccolta situati all’interno del tessuto urbano di Mondragone, principalmente
connazionali, anche superiori alle trenta unità, con picchi fino a 70 braccianti al giorno, che venivano
trasferiti sui luoghi di lavoro stipati in furgoni del tutto inadeguati con grave rischio anche per
l’incolumità personale. Parallelamente all’attività illecita di intermediazione, in relazione alla mole di lavoro
sviluppata, l’indagato A.A.V. aveva avviato una vera e propria attività imprenditoriale nel settore
agricolo – trasformandosi dunque da mero reclutatore/intermediario a reclutatore/sfruttatore in
proprio, provvedendo direttamente all’acquisto di partite di ortaggi sul campo che successivamente venivano vendute ad imprenditori del settore, realizzando illeciti profitti fino al 400% del costo della
mano d’opera reclutata e sfruttata.
Sulla base delle emergenze investigative, in data 27 novembre u.s., venivano identificati
unitamente al c.d. “caporale”, 20 lavoratori tutti di nazionalità bulgara, tra cui una donna invalida, una
minorenne di anni 14 e una donna in stato di gravidanza, intenti nella raccolta di fagiolini sotto serra,
lavori, secondo la contrattazione collettiva del settore, ricondotti tra quelli disagiati, nocivi e
pericolosi, con previsione di un ridotto numero di ore lavorative giornaliere.
L’esito dell’attività svolta dalla polizia giudiziaria ha attestato la presenza di tutti gli
indicatori di sfruttamento richiesti per la configurazione della condotta delittuosa, in quanto il
reclutatore/sfruttatore, sottoposto all’arresto:
V operava con continuità, abitualità c in maniera professionale;
impiegava i lavoratori senza stipulare alcun contralto di lavoro:
v’ corrispondeva retribuzioni ben al di sotto degli standard dei contratti collettivi di riferimento;
V obbligava i lavoratori a turni massacranti, che si protraevano dalle prime luci dell’alba fino al tardo pomeriggio;
V non riconosceva ai lavoratori reclutati alcuna maggiorazione per il lavoro straordinario, notturno o festivo;
v’ impiegava stabilmente i lavoratori in prestazioni eseguite sotto serra, in condizioni disagiate, per orari superiori ai limiti
previsti;
V sottoponeva i lavoratori a metodi di sorveglianza e condizioni di lavoro degradanti, controllando costantemente anche la
quantità di prodotti raccolti dalle singole squadre e pretendono una quantità minima di raccolto pena la decurtazione di
una parte consistente della retribuzione;
V non garantiva le necessarie pause di riposo, non prevedendo neppure idonei servizi igienici;
^ impiegava i lavoratori in violazione ad ogni norma in materia di sicurezza, non garantendo loro alcun dispositivo di
protezione individuale;
V impiegava minori di età, in violazione all’obbligo scolastico ed in contrasto con la disciplina tutoria per il lavoro
minorile
Tali Indicatori di sfruttamento sono stati accertati grazie a tutti i mezzi di ricerca della prova,
non ultimo, per mezzo delle numerose audizioni dei lavoratori reclutati svolte con le massime cautele
e con assoluta riservatezza, anche per evitare condizionamenti e rappresaglie. In tale contesto,
sebbene intimiditi e impauriti, alcuni di loro hanno fornito preziose indicazioni circa alcuni dettagli
dell’accordo illecito con il caporale, confermando quanto già emerso a seguito delle attività svolte sul
campo.
Il modus operandi del soggetto si è poi addirittura perfezionato nel tempo, per dissimulare la
pratica illecita e per contrastare e sterilizzare i controlli che vengono ordinariamente operati sul
territorio da parte dei competenti Organi di vigilanza, anche alla luce delle nuove disposizioni
normative e regolamentari. Infatti è emerso che, proprio con queste finalità elusive, il soggetto, aveva
costituito una ditta individuale, intesta alla compagna, che utilizzava per assumere a tempo
determinato e solo formalmente, i braccianti agricoli sfruttati, ovviamente non adempiendo poi agli obblighi contributivi e previdenziali e tanto meno a quelli tributari, sfruttando le loro energie
lavorative facendo leva sullo stato di bisogno delle persone.
La misura restrittiva della libertà personale rappresenta un ulteriore tassello della prolungata
indagine – diretta dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere – che lo scorso 9
ottobre ha già portato ad un provvedimento di fermo, per i medesimi reati, nei confronti di un
cittadino tunisino M.M (classe 1969) e della sua compagna di nazionalità ucraina S.N. (classe 1969),
provvedimenti cautelari ai quali seguivano quelli del 5.11.2018, quando il Gip del Tribunale di S
Maria Capua Vetere ha disposto la misura cautelare personale degli arresti domiciliari nei confronti di
R.A.F., (classe 1983, nazionalità rumena) e dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei
confronti di G.A. (classe 1984, nazionalità ucraina); 1.0. (classe 1965, nazionalità ucraina) in quanto
gravemente indiziati del delitto di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro previsto e punito
dall’art. 603 bis del c.p..
La dinamica di contrasto del fenomeno criminale è espressione dell’impegno profuso dalla
Procura di Santa Maria Capua Vetere nello specifico settore, quale priorità dell’Ufficio, e proseguirà
con la massima intensità possibile. Allo scopo è stata peraltro emanata da questa Procura della
Repubblica, una specifica Direttiva e Protocollo d’indagine del 27/11/2018, rivolta alle Forze
dell’Ordine, per indirizzare le indagini, anche a fini di contrasto patrimoniale, afferenti al delitto di
cui all’art. 603 bis c.p., (intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro; individuazione degli indici
di sfruttamento del lavoro).
Anche a tal fine si darà massima attuazione al protocollo d’intesa siglato nel mese di giugno
2017 da questa Procura della Repubblica con le Forze di Polizia, gli Organi ispettivi, le strutture sanitarie e le associazioni del territorio, finalizzato proprio al rafforzamento del percorso di tutela
degli stranieri vittime di reato, di intermediazione illecita e di sfruttamento lavorativo e sessuale.
Gli elementi investigativi raccolti nel tempo e posti a base del provvedimento restrittivo fanno
emergere, in tutta la sua gravità e pervasività, un’economia deviante, radicata e diffusa, che sfrutta i
lavoratori per il contenimento dei costi e la massimizzazione dei profitti.
Santa Maria Capua Vetere, 3 dicembre 2018

 

 

 

TRZ