Carinola

CARINOLA – Disagi e degrado sul territorio comunale, lettera aperta del Professore Giulio Capone

Scritto da  | 

 

CARNOLA –  Lettera aperta di un cittadino carinolese. Premesso che non sono né sarò mai un politico ma sono un cittadino carinolese che ama il territorio e vive, convintamente, il mondo associativo, vedere giorno dopo giorno un forte degrado che accompagna il nostro comune con le frazioni quasi a volerci regalare un miserabile declino mi preoccupa tanto e ci soffro.

Ho il piacere di frequentare come referente dei consumatori i comuni vicini rendendomi conto di quali e quanti miglioramenti ben visibili hanno riscontrato negli ultimi anni.

Nel giro di un decennio comuni come cellule, Francolise, Roccamonfina, falciano hanno avuto sfido chiunque a dire il contrario trasformazioni radicali e positive.e la nostra Carinola? Nell’ultimo decennio tutto è restato fermo anzi c’è stato un degrado che, piano piano negli anni, è diventato inesorabile.

Ci ritroviamo con strade in transitabili frutto di lavori eseguiti e mai terminati definitivamente; Un mercato settimanale, una volta ritrovo per tutti i paesi vicini, scomparso quasi del tutto ; Il campo sportivo, vero fiore all’occhiello e vanto per l’utilizzo del manto sintetico quasi impraticabile; la cittadella giudiziale, vanto in provincia, in stato quasi di abbandono; perfino nella somministrazione del vaccino COVID i cittadini carino lisi hanno dovuto prendere le strade per sesso Aurunca, Francolise, Mondragone, Roccamonfina, Cellole e Falciano… Quasi tutti i comuni hanno avuto un proprio centro vaccinale eccetto Carinola.ultimo fiore all’occhiello, la ciliegina sulla torta del degrado il semaforo di Ventaroli…comune o provincia?
Forse sarò il solo ad attraversare spesso Ventaroli, forse sarò diventato daltonico, forse sogno ad occhi aperti, ma sono 3 4 mesi che il semaforo di Ventaroli non è funzionante fra un silenzio totale dell’ente responsabile.
Si provi ad incrociare un altro veicolo per potersi rendere conto quanto può essere facile causare un incidente e, inoltre a dispetto della quiete c’è un continuo suonare di clacson, sia di notte che di giorno, per segnalare la propria posizione. Possibile che non si possano vedere le inadempienze di chi ha la responsabilità prima che  accada una disgrazia? Amo il mio territorio (ne sono delegato dell’ Unione Nazionale Consumatori e Consumatori liberi Europei) per questo motivo mi permetto di sollecitare tutti i cari amici (tutti indistintamente e senza preferenza) che si apprestano alla prossima competizione elettorale di provare a percorrere (possibilmente da soli!) le strade dell’ intero territorio carinolese, visitare le frazioni, senza fretta e senza “ciceroni consiglieri” per poter serenamente osservare e ricordare. Provate poi, miei cari amici a passeggiare nei comuni vicini, provando a ricordare com’erano e come sono. Sicuramente questi momenti di osservazione vi saranno utili e d’ aiuto una volta eletti. Questa lettera aperta non vuole essere assolutamente un richiamo per nessuno, né un modo per incolpare qualcuno, desidero solo (quale delegato dell’ Unione Nazionale Consumatori e Consumatori liberi Europei) “dare voce” affinché ci possa essere per Carinola un futuro migliore!

Con affetto prof. Giulio Capone (Unione Nazionale Consumatori e Consumatori  Europei liberi)